Blog

July 29, 2016

L’impianto elettrico ed i suoi componenti

E’ importante avere una conoscenza di base relativa agli elementi e al funzionamento dell’impianto elettrico che giornalmente utilizziamo; a tal fine segue una descrizione dei principali componenti, così da sapere come muoversi qualora si presenti una qualche problematica.

Partiamo dal centralino o quadro elettrico, di cui ne esiste uno principale, che consente la lettura dei consumi e un altro relativo alla singola abitazione, contenente vari ed eventuali interruttori magnetotermici e il salvavita.

Il sistema di messa a terra, è un sistema che consente di scaricare a terra l’elettricità qualora si verifichi un improvviso picco di tensione all’interno del nostro impianto elettrico rendendolo così maggiormente sicuro.

Le prese elettriche sono l’interfaccia che permette l’allacciamento degli elettrodomestici/apparecchiature elettroniche alla corrente, mentre gli interruttori sono i dispositivi a muro attraverso i quali avviene l’accensione e lo spegnimento delle luci.

Per quel che concerne i circuiti elettrici, possiamo dire che le prese sono di norma a 16 ampere, luci e circuiti di alimentazione a 10 ampere e da ultimi i circuiti a chiamata (come l’allarme all’interno del bagno) a 12V.

Esistono poi ben tre tipologie di cavi conduttori, ognuno di questi ha diverse funzioni e sono riconoscibili tra loro grazie alla differenziazione data dal colore: il primo corrisponde alla fase di corrente, e può essere nero ma anche rosso, marrone oppure grigio, mentre il secondo è il neutro, di colore blu, ed infine il terzo è quello relativo alla messa a terra, di colore verde-giallo.

L’impianto elettrico può essere di due tipologie:

Impianto elettrico casa incassato, che tende a privilegiare l’aspetto estetico nascondendo l’impianto elettrico, installato dall’elettricista, alla vista all’interno delle mura della nostra abitazione. Costo più elevato ma aspetto estetico migliore garantito;

Impianto elettrico casa a vista, una soluzione economica, veloce, seppur antiestetica.

Esistono due certificazioni relative all’impianto elettrico installato dall’elettricista:

– Dichiarazione di conformità (DICO): la dichiarazione di conformità degli impianti che il professionista rilascia a seguito di una modifica o installazione dell’impianto elettrico. Quanto la modifica sarà parziale, il documento farà riferimento esclusivamente alla parte modificata. Questa documentazione DICO è necessaria sia in caso di l’allacciamento di nuove utenze sia per ottenere il certificato di agibilità, e infine utile, seppur non più obbligatorio, per rogiti immobiliari;

– Dichiarazione di rispondenza (DIRI): questa dichiarazione va a sostituire il DICO è possibile sostituire questo documento con la dichiarazione di rispondenza (DIRI), qualora gli impianti siano stati realizzati in un periodo antecedente all’entrata in vigore del decreto ministeriale 37 del 2008.

Utilità
About prontointervento